Mi presento: mi chiamo Simone Piccini, nato e cresciuto ad Arezzo, fra la meraviglia delle colline toscane.

Una “mezza vita” passata a fare quello che é la normalità, un lavoro a tempo indeterminato, lo sport, gli amici, un viaggio toccata e fuga appena le ferie me lo permettevano.

Poi a novembre 2015, alla tenera etá di 38 anni, di ritorno da un viaggio in Peru non sono più riuscito a metabolizzare il ritorno dal viaggio, quella malinconia che ti prende quando ricomincia la routine quotidiana. Che io solitamente riuscivo a smaltire prenotando un altro volo, ma che quella volta era qualcosa di più grande, di più insuperabile.

Ho passato i 2 mesi seguenti cercando di capire da dove potesse venire quel malessere, e una mattina mi è apparso tutto chiarissimo, la soluzione era sempre stata lì a portata di mano: sono andato in ufficio e ho dato le dimissioni.