Massimo Lo BiancoMi chiamo Massimo Lo Bianco, ho 23 anni e sono toscano. Apparentemente sono un ragazzo come tanti altri, forse un po’ più barbuto dei miei coetanei, ma spensierato per scelta.

Mi capita spesso di parlare con amici, conoscenti, parenti, o addirittura sconosciuti, e sentire in loro quel senso di rinuncia, quell’arrendersi alla realtà che li ha ingabbiati, che gli ha portato via i sogni di una vita.

Alla fine poi, anche se, difficilmente vorrebbero ammetterlo, il rimorso è così grande, che solo il pensiero è così incredibilmente doloroso. Lasciano così viaggiare la mente, cercando di girare intorno a tutto quello che potrebbe essere la svolta della loro vita. E se provi a raccontargli il tuo punto di vista, ti rispondono semplicemente che tu sei pazzo. Alla fine dei conti, se essere pazzi significa godersi la vita, credo di non volere mai smettere di esserlo come in questo momento.