Danuccia DonatoMi chiamo Dana Donato, ma mi piace farmi chiamare Danuccia. Ho 29 anni, sono di Torino e sono un acquario, questo dovrebbe già dire molto di me.

La mia attuale vita comincia a Novembre 2014, quando decido di licenziarmi e di partire per viaggiare lavorando in cambio di vitto e alloggio, il cosiddetto “volunteering”, parola che esprime perfettamente il concetto.

Non sono diventata pazza di colpo, il licenziamento è stata una scelta ponderata, alla quale pensavo da diversi mesi.

Da tempo sentivo che nell’aver accettato di passare la mia vita dietro a una scrivania e a due monitor c’era qualcosa di profondamente sbagliato. Passavo tutta la settimana ad aspettare il week-end e venivo assalita dall’ansia la Domenica sera.

A un certo punto ho capito di essere arrivata al limite, mi stavo ammalando, il collasso nervoso era dietro l’angolo e non mi riconoscevo più.