Google Australia Day 2016Il 26 gennaio è festa nazionale in Australia in quanto, come ogni anno, si celebra l’“Australia Day”.

Bandierine, barbeque, concerti e festoni in ogni città, commemorano questo giorno così sentito da un’intera nazione. Ma cosa simboleggia questa ricorrenza? Storicamente, essa coincide con l’entrata in possesso, da parte del Capitano Arthur Phillips, delle colonie del Nuovo Galles del Sud. Era il 26 gennaio 1788.

Una vittoria per gli inglesi a discapito di una popolazione, quella aborigena, che ricorda questo giorno come nefasto e sinonimo di lutto e commozione.

Il 26 gennaio 2016 si continua a celebrare l’Australia Day, ma molti utenti della rete si saranno accorti del “Doodle” odierno di Google, ovvero l’effige che adorna il logo del colosso statunitense e che cambia immagine a seconda di una particolare giornata.

Il Doodle di oggi si intitola “Stolen Dreamtime” (Il sogno rubato). Il disegno, è stato realizzato da Ineka Voigt (foto in basso), una studentessa di un liceo di Canberra che ha partecipato e vinto il concorso “Doodle 4 Google 2015”. Google Enika

Il tema del concorso era: “Se potessi tornare indietro nel tempo vorrei…”. Ineka ha scritto “Vorrei riunire madre e figlio. Una madre piangente si trova in un deserto color ocra, sognando i suoi figli e una vita che non c’è più non rimane che sabbia rossa, lacrime e sussurri del suo sogno rubato”. Un chiaro riferimento all’abuso dell’uomo bianco nei confronti degli aborigeni.

Un’immagine che dovrebbe rimanere impressa nella mente di molti, quella di Ineka, per tutti quelli che festeggiano l’Australia Day e non si chiedono nemmeno il perchè.

Segui le orme di Ornitorinko anche su facebook!