Luana SangalliDa tre anni a questa parte ho quasi quotidianamente a che fare con gente che mi chiede « da dove vieni ? » « dove vai ? » « qual è la tua storia ?» .

Mi presento: sono Luana Sangalli, ho 28 anni, vengo da Milano, ho vissuto due anni in Australia e ora vivo a Parigi.

Mi piace rimanere in silenzio e osservare le reazioni dei miei interlocutori. La maggior parte delle volte sbarrano gli occhi, sognanti, la loro risposta è sempre « beata te ».

..E invece no!

Vorrei poter controbattere dicendo che questi tre anni non sono riassumibili in canguri che saltano e baguette sotto le ascelle. Che no, non sono beata. Che tutto quello che faccio è perché ho il coraggio di mollare tutto e partire. E come me, altre migliaia di italiani in fuga da un Paese in caduta libera. Come fare a raccontare le sensazioni provate in tre anni, le lacrime versate negli aeroporti, l’elettrizzante paura di trasferirsi dall’altra parte del mondo e non sapere cosa aspettarsi, la lotta per trovare un lavoro, per insediarsi in un Paese con regole, usi e costumi lontani anni luce da quelli italiani ed europei.

Alla gente di cui sopra rispondo « lo so, grazie ».

A voi racconto la versione vera. La versione di una neolaureata (all’epoca) che vede il sogno di una brillante carriera sbriciolarsi nel giorno in cui inizia il suo secondo stage in PR a Milano. Nel giorno in capisce che le cose non sarebbero andate esattamente come i professori le facevano credere. Che quei 250 euro al mese se li deve sudare, fino ad annularsi, ad annientarsi, per poi, forse, ottenere un contratto a progetto di 600, 800 euro e via dicendo, fino ad arrivare a 1000 e stop, nulla piu’.

Guardadomi intorno, in ufficio, sulla banchina della metro, per strada, vedo sfilare una serie di zombie, tutti presi da una lotta alla sopravvivenza inutile, perché tanto, già morti. Dentro.
No, dico tra me e me, non voglio diventare come loro. Fuori dall’Italia ci sono Paesi che non lasciano che i giovani si ammazzino per avere pochi soldi al mese e sputare sangue per guadagnarseli, quei due soldi. Paesi in cui la meritocrazia non è utopia. In cui se fai carriera, nessuno pensa che è perché “te la fai col capo”. Perché “dai, se sei bella non puoi anche essere intelligente”.
Bene, uno di quei Paesi è l’Australia.

Allora giunge il momento di lasciare lo stage, di tornare a fare la hostess, la cassiera, di vendere la macchina. Di ottenere il Working Holiday Visa, di comprare uno, anzi due (uno per me, uno per il mio ex) biglietti di sola andata per Melbourne. Di sbrigare milioni di questioni burocratiche.
E’ il momento, e non lo sarà mai, di non dare retta a coloro che per invidia ti dicono che saresti andata a pettinare i koala, che ti davano massimo 3 mesi e che poi saresti tornata da mammà con la coda tra le gambe. Sono passati tre anni, signore e signori, e in Italia ci torno solo in vacanza.
Volete sapere cosa si prova? Liberazione, sollievo.

Ma il rovescio della medaglia c’è! I primi tempi vi mancheranno cose che prima date per scontate, tipo lo spritz con gli amici o guidare la vostra macchina, la stessa che vendete per comprarvi il biglietto d’aereo.  Vi mancherà fare battute nella vostra lingua, parlare dell’ultima gag di Crozza a Ballaro’. Gia’, perché per quanto si sia quasi arrivati a odiare l’Italia, una volta che si vive all’estero ci si rende conto che in fondo in fondo si è fieri di essere italiani, che è una gran figata essere italiani. All’estero.

Il lavoro ragazzi, quello lo si trova. Bisogna essere svegli, parlare inglese, almeno un minimo se ci si accontenta di fare i lavapiatti, poi diciamo anche che bisogna avere la fortuna di trovarsi al posto giusto nel momento giusto.

E poi be’, bisogna sapersi ricostruire una vita. Bisogna farsi nuovi, veri amici. Sono loro che vi aiuteranno nei momenti di down, perché quelli in Italia a quell’ora precisa dormono, c’è il fuso orario.

Perché avrete bisogno di una famiglia, di un sostegno, ovunque voi andiate. Se vi lasciate col moroso (parlo al femminile), loro saranno li a tendervi una mano. Con loro condividerete momenti che ricorderete per tutta la vita. Puo’ essere che vi innamorerete di uno di loro, un francese ad esempio, e che decidiate di seguirlo a Parigi…

Addentrandomi in questo discorso, beh’, diciamo che la mia questione diventa un po’ più complicata. In breve, il mio ex, ovvero quello con cui parto per Melbourne, dopo due settimane trova lavoro in un tennis club come coach. Questo club lo sponsorizza (dandogli il diritto di rimanere in Australia senza problemi). Lui,  sponsorizza me, quindi io ottengo il suo stesso visto (de facto visa). Peccato che essendoci lasciati, il mio visto (in teoria) non vale più. Quindi bye bye Melbourne, bonjour Paris!

Ed ecco lo shock di tornare in Europa, dal caldo torrido di Melbourne al freddo glaciale di Parigi (passando dall’Asia, a Dubai, a Milano). Per quanto la conoscessi bene (perché nel 2006 svolgo qui il mio progetto Erasmus), non me la ricordo cosi… incasinata.

Il problema è che non sono piu’ abituata a questi ritmi, gli stessi di Milano. Dimentico cosa si prova nel vedere centinaia di persone correre a piu’ non posso, travolgendo tutto e tutti per prendere la metro, mi dimentico cosa vuol dire essere una di quelle persone perennemente di fretta. Mi  catapulto in un mondo che non mi appartiene più. Un mondo in cui la gente non fa la spesa a piedi scalzi, dove il colore delle scarpe è lo stesso di quello delle borse, dove se hai i collant bucati è un serio problema, dove non puoi usare le scarpe da ginnastica o le infradito per andare a lavoro e poi metterti i tacchi che hai lasciato sotto la scrivania dell’ufficio.

Certo, Parigi è magica. Mentre scrivo, in questo momento, vedo dalla finestra di casa mia la Tour Eiffel che brilla. Ma evito di aprire Facebook: i miei amici in Australia stanno andando in spiaggia, e pubblicano le foto ovviamente, i maledetti.
E’ bello pero’ poter parlare a persone che non credono che Napoleone sia contemporaneo a Giulio Cesare (diciamo che gli australiani non primeggiano in cultura), è bello poter vivere in una città ricca di storia, di eventi, di mostre, di spettacoli teatrali. Che meraviglia essere a un’ora di volo da Milano, poter tornare a casa nel weekend, ma potermi permettere di pagare l’affitto perché, nonostante appunto la Francia sia a un tiro di schioppo dall’Italia, le condizioni lavorative , salariali e di assistenza sociale rimangono sempre di gran lunga migliori rispetto a quelle italiane.

Ma la febbre del viaggiatore, dell’esploratore, quella non passa mai. Et voilà, anche qui mi sto ricostruendo una vita. Mi rimetto alla prova, ancora. D’altronde non potrei piu’ vivere diversamente. Tengo la valigia pronta, perché non si sa mai. Guardo la Tour Eiffel, penso all’Opera House, prenoto un biglietto per Lisbona. Life is fucking good.

Un saluto che sa mettersi in gioco.

Luana

Segui le orme di Ornitorinko anche su facebook!