Luca CassettaMi chiamo Luca Cassetta,  32 anni, milanese, sposato, due gatti, vivo a New York da quasi tre anni e mi occupo di ricerca scientifica.
Ebbene si, lo ammetto, sono un cervello in fuga!
Appartengo a quella schiera di giovani (o meno giovani) che hanno deciso di abbandonare l’Italia per cercare fortuna all’estero!


Ho pensato in questi giorni a cosa scrivere su Ornitorinko; la tentazione, da buon italiano all’estero, di parlare di tutte le cose che qui mi piacciono e che invece in Italia non funzionano e’ davvero forte.

Potrei benissimo riempire le righe di questo post descrivendo quanto sto bene qui negli Stati Uniti e quanto tutto faccia schifo in Italia; in effetti guadagno di piu’, il lavoro e’ stimolante, le cose da fare qui non mancano e sto vivendo un’esperienza fantastica..

E invece no… sono un “animale strano”, in perfetta sintonia con questo blog!

Vi voglio parlare bene dell’Italia, appunto perche’ sono qui fuori e so cosa mi manca del mio Paese e della mia cultura.
Voi direte “ma questo e’ pazzo!!” Come si fa a parlare bene di un Paese che non ti ha dato l’opportunita’ di lavorare, che sta cadendo a pezzi, che ha politici corrotti e bla bla bla..???

Quando viviamo in italia non ci rendiamo conto di quanto siamo fortunati a vivere in un Paese che l’intero pianeta ci invidia!
Naturalisticamente abbiamo ogni cosa (mare, montagna, collina, pianura), abbiamo una storia millenaria, una delle cucine piu’ stimate al mondo, il design, l’architettura, l’artigianato, la scienza, la letteratura…
Insomma abbiamo il Made in Italy!!!

Vivendo in USA e vedendo come qui si massimizzano i potenziali di un Paese mi mordo le mani a pensare a cosa potremmo fare in Italia se fossimo un po’ piu’ volenterosi: potremmo rilanciare la nostra economia con il turismo, con la manifattura di qualita’, con la buona cucina, con le nostre menti razionali e fantasiose…

Sapete qual e’ secondo me l’unico vero grande difetto che abbiamo noi italiani? L’autocommiserazione.
Pensateci bene, guardate dentro di voi e scoprirete che e’ vero, ci piace lamentarci di tutto in Italia.
E soprattutto non abbiamo alcuna spinta che ci invogli a cambiare le cose!
Pero’ poi all’estero l’italiano e’ stimato, ha successo..
Ci avete mai pensato? Come mai?
Siamo forse migliori di chi rimane in Italia? Non credo!
Accade perche’ ritroviamo in noi delle qualita’ che, come italiani, ci rendono unici:

– Il cuore;
– La passione;
– La determinazione nel conseguire un obiettivo;
– La capacita’ di arrangiarci in condizioni non favorevoli;
– L’ingegno;
– Un pizzico di furbizia;
– La generosita’;
– L’altruismo;
– La simpatia innata (gestualita’ e linguaggio).

Queste cose si possono trovare singolarmente in tante altre culture, ma noi (chi piu’ chi meno ovviamente) abbiamo la fortuna di incarnarle tutte insieme.
E allora perche’ siamo messi cosi’ male in Italia se potenzialmente siamo cosi’ “cool”? Perche’ siamo immersi in un microambiente che ci tarpa le ali, ci ammazza i sogni e non ci da’ scampo.
Questo vuol dire che quando un italiano esce dal contesto deprimente e privo di stimoli che c’e’ ora in Italia in qualche modo rinasce, ritrova la spinta che aveva perduto e non si lascia scappare le occasioni che si presentano.
Lavora di piu’, rispetta le regole, ma la cosa piu’ importante e’ che acquisisce un atteggiamento propositivo e non distruttivo, che e’ quello che manca ora in Italia.
E allora qual e’ il messaggio che voglio trasmettere?
Il messaggio e’ quello che dobbiamo trovare il “piccolo italiano all’estero” che vive, sopito, in ciascuno di noi!

Consiglio a chiunque di uscire per un po’ dall’Italia, di guardarsi intorno, di capire come vivono gli altri e come sono organizzati; solo paragonando la nostra situazione attuale con quella di altre nazioni possiamo acquisire una coscienza critica e possiamo capire che cosa davvero va cambiato nel nostro paese.

Ma poi consiglio di ritrovare anche la voglia di tornare, mantenendo lo stesso spirito che abbiamo ritrovato stando fuori. Da italiani all’estero inotre si sente anche la responsabilita’ di fare qualcosa per migliorare le cose, anche con piccoli gesti.Noi nel nostro piccolo ci stiamo provando.

Infatti, insieme a un mio amico, Lorenzo Agoni, stiamo fondando un’associazione che ha come scopo quello di riunire sotto un unico “tetto virtuale” i ricercatori italiani nel mondo (AIRI). Vogliamo fare networking, vogliamo dare informazioni utili a giovani ricercatori che vogliono fare un’esperienza all’estero, vogliamo scambiarci opinioni, idee e discutere di temi per noi importanti. Tra i vari  obiettivi che l’associazione si propone di realizzare, vorrei menzionare quello della divulgazione scientifica.

Stiamo cercando di creare una piattaforma in costante contatto con la societa’, che possa rivalutare la figura, a volte bistrattata, del ricercatore e del suo lavoro. Vogliamo in qualche modo colmare quel vuoto che esiste tra il ricercatore, visto nell’immaginario collettivo come uno scienziato pazzo o come un luminare inavvicinabile, e la societa’, che e’ esposta a una miriade di informazioni che riguardano il nostro lavoro molto spesso fuorvianti e palesemente inesatte.

Perche’ stiamo puntando molto sulla divulgazione?

Perche’ vogliamo trasmettere alla comunita’ la nostra visione del mondo, la bellezza della ricerca in quanto tale, la “sana” pazzia che bene o male avvolge ogni ricercatore, in costante tensione verso la verita’.
Vogliamo fornire un servizio alla societa’, ovvero la giusta informazione, quella basata sul fact check, non sul sentito dire.
Sfruttando I social media piu’ diffusi vogliamo in qualche modo arrivare alla gente e far loro capire che la rivoluzione in Italia e’ necessaria; ma non e’ la rivoluzione armata (argomenti da bar molto diffusi) quella che serve, la rivoluzione piu’ importante deve essere culturale.

Come avete potuto capire da queste righe io sono un idealista, un incorreggibile ottimista. E’ molto, a volte troppo facile essere pessimisti cosmici, e’ meno facile mettersi in gioco e provare a cambiare le cose che non ci piacciono. Sinceramente credo ancora che la determinazione, la voglia di fare, l’atteggiamento propositivo e la curiosita’ possano rappresentare le parole chiave per riaccendere il motore Italia.

Vi lascio con una frase detta da una delle scienziate migliori del millennio, che spero ispiri anche solo una persona che leggera’ questo mio post: “Pensate al futuro che vi aspetta, pensate a quello che potete fare, non temete nulla”. Rita Levi Montalcini.

un saluto idealista,

Luca

Segui le orme di Ornitorinko anche su facebook!