Luci soffuse, odore di tabacco, cuffie, microfoni e tanta passione…

Che bello fare radio!

Qualche sera fa sono stato ospite del programma “Borderline”: quale nome migliore per descrivere uno stile di vita da “animale strano” come quello di Ornitorinko?! Fin qui tutto nella norma, se non fosse che “Radio Barrio” nasce dall’idea di alcuni ragazzi che vivono in un territorio storicamente arido e non sto certo parlando di geologia, ecosistemi o fattori legati alla siccita’…

“Il Barrio” (il rione), nasce a Crotone il nove aprile duemilatredici ed e’ una bella iniziativa in formato “web radio”.

Questo progetto nasce grazie all’impegno di alcuni artisti locali (attori, fotografi, disegnatori – vedi foto in basso) che mettono a disposizione il proprio talento (e la propria sensibilita’), nell’intento di sensibilizzare la popolazione verso temi sociali e non. L’obiettivo, e’ quello di far rivolgere l’orecchio dei “naviganti” verso un topic attuale, importante, molteplice, che scaturisce in un mix giocoso, di parole e buona musica.

Detto cio’, vi starete domandando: “ma non e’ troppo costoso manterere una struttura simile?” oppure ..”La radio, non ha bisogno di piegarsi ai voleri dell’editore per mantenersi?”

…e invece no!

Tutte le attrezzature presenti in radio, infatti, sono in comodato d’uso e le spese  (diritti SIAE in primis) sono sostenute attraverso l’aiuto dell’ARCI, che ne ha concesso i locali.

Come spiega Alfredo Lucente (Presidente di Radio Barrio), il lavoro svolto all’interno della struttura, non ha fini di lucro, in quanto non si ciba di introiti pubblicitari. Questo la “scatena” dai vincoli editoriali che consente anche liberta’ d’espressione nei contenuti dei vari programmi.

Una radio nel Sud! ..Gia’, come “Radio Aut”, emittente dalla quale trasmetteva “Peppino Impastato”, personaggio sui generis ucciso dalla mafia nel 1978 (omaggiato anche dal celebre film “I cento passi“).

”Animale strano” Peppino, antimafioso cronico in terra sicula. Proprio lui, che da un microfono di un’altra terra arida (la Sicilia) gridava a squarciagola: “La mafia e’ una montagna di mmmerda!!!”.

Un pensiero va a lui, anzi, una puntata radiofonica. Pensiero che viene amplificato sia dal web che dal “Barrio” (in data sedici Maggio) in ricordo di questo grande personaggio e in occasione dell’evento internazionale “Carovana antimafie”.

Adesso, vi faro’ una proposta che non potrete rrrifiutare!!!! 😀

So che il vostro tempo e’ prezioso, ma che ne dite di ascoltare insieme “Noi non baciamo le mani” ne vale davvero la pena!

Un saluto che non bacia le mani,

Ornitorinko